Collezione Jean Prouvé

L’inizio del rapporto dell’azienda produttrice di arredi Vitra con il lavoro del designer francese Jean Prouvé è stato segnato proprio da una sedia di quest’ultimo. Ancora oggi, a distanza di oltre vent’anni, la collaborazione con i suoi eredi rimane fortemente attiva: ora Vitra sta rivisitando la collezione con nuovi colori e introducendo tutta una serie di modelli meno noti.
Pur non avendo seguito una formazione formale in architettura, Jean Prouvé si affidò ad architetti moderni della sua epoca, con cui collaborò per la realizzazione delle sue idee in ambito edile, quali Eugène Beaudoin e Marcel Lods per La maison du peuple a Clichy-sur-Seine o, ancora, Pierre Jeanneret per il modello di un padiglione smontabile. È famoso per le sue costruzioni con elementi prefabbricati standardizzati, che offrirono una soluzione per l’edilizia abitativa a basso costo, richiesta con grande urgenza dopo la seconda guerra mondiale. Negli anni successivi, Prouvé lavorò a Parigi come consulente ingegnere per numerosi grandi progetti edilizi, facendo ancora una volta storia nell’ambito dell’architettura nel 1971, presiedendo la giuria del concorso per la costruzione del Centre George Pompidou. Con il lavoro di una vita intera, seppe conquistarsi un posto significativo nella storia dell’architettura.

Nuovi prodotti di Jean Prouvé

Nell’autunno del 2022, Vitra ripropone quattro modelli di Jean Prouvé: l’Abat-Jour Conique, un paralume conico sviluppato dal designer nel 1947 per la lampada da parete Potence, i due sgabelli Tabouret N.° 307 e Tabouret Métallique nonché l’unità di mensole a parete Rayonnage Mural, progettata da Prouvé nel 1936 per l’École Nationale Professionelle di Metz, tra le molte altre commissioni pubbliche di scuole, università e ospedali.

Nuovi colori per la Collezione Jean Prouvé

I colori sviluppati da Prouvé per gli elementi in acciaio dei suoi arredi e la sua architettura hanno attinto a vari riferimenti, dal Blé Vert, che descrive il colore del grano verde giovane, al Gris Vermeer, che allude ai toni grigi nell’opera del pittore Johannes Vermeer. Eppure, secondo Prouvé, che credeva nella “natura del materiale”, solo le parti a rischio di corrosione dovevano essere verniciate, per cui lasciava da trattare gli elementi in legno e alluminio, laddove possibile. Tuttavia, al di là del vantaggio pratico della protezione antiruggine, Prouvé sapeva di poter sfruttare i colori per infondere un’aura diversa ai suoi arredi di design.

Nell’autunno del 2022, Vitra amplierà l’assortimento di arredi di Jean Prouvé, inserendo alcuni di questi colori originali del designer: al Nero intenso, Japanese red e Blanc Colombe si uniranno i toni Gris Vermeer, Bleu Dynastie, Blé Vert e Bleu Marcoule, oltre alla variante Metal Brut nell’acciaio non verniciato.
Standard - Group_FS_web_16-9

Per saperne di più, consultate la nostra brochure Jean Prouvé

La collezione Jean Prouvé al Vitra Design Museum

Il Vitra Design Museum a Weil am Rhein, in Germania, ospita la collezione museale di Jean Prouvé più ampia del mondo. Risale agli anni ’80, quando Rolf Fehlbaum, Presidente emerito di Vitra, acquistò il primo pezzo di Jean Prouvé, una seduta Antony trovata a Parigi, che destò in lui l’interesse per l’opera del designer.
Panoramica dei prodotti

Potrebbe interessarti anche questo