Freeform Sofa

Isamu Noguchi, 1946

La plasticità del linguaggio estetico di Noguchi si esprime nel Freeform Sofa: è completamente diverso dai progetti dello stesso periodo, e insieme all'elemento Ottoman forma un gruppo scultoreo che ricorda un ingrandimento dei ciottoli di fiume appiattiti e levigati dall'acqua. Le slanciate forme organiche sono fluide e armoniose. Noguchi mette in risalto la leggerezza degli elementi con un'imbottitura sottile ma comoda e la scelta di tessuti in colori naturali per il rivestimento.

Il Freeform Sofa e la Ottoman sono stati prodotti in un'edizione limitata intorno al 1950. Oggi i pochi pezzi rimasti hanno raggiunto prezzi da record alle aste. I progetti sono realizzati dal 2002 come riedizione autentica. Il divano è perfetto non soltanto per gli spazi abitativi privati, ma anche per ingressi, hotel e punti vendita.
Isamu Noguchi è considerato un talento universale dall'opera creativa, che si spinge oltre la scultura per abbracciare la scenografia, la progettazione di mobili, l'illuminazione, l'arredamento di interni e l'allestimento di piazze e giardini. Il suo stile scultoreo si ispira al linguaggio delle forme organiche e ha influenzato per molto tempo il design degli anni '50.
'Mio padre, Yone Noguchi, è giapponese ed è stato a lungo conosciuto come interprete dell'Oriente e dell'Occidente attraverso la poesia. Vorrei riuscire a fare la stessa cosa con la scultura.'
scrisse Isamu Noguchi nella sua candidatura per una borsa di studio del Guggenheim.

Informazioni

Unlimited combinations

Thanks to the carefully coordinated selection of materials and colours available in the Vitra Colour & Material Library, products by Vitra can be effortlessly combined to create diverse, individual collages.

Prodotti della famiglia
Questo prodotto è stato progettato da
Isamu Noguchi
L’opera dell’artista e designer nippo-americano Isamu Noguchi è insolitamente multisfaccettata, spaziando dalle belle arti al design industriale. Dal 2002 Vitra ha prodotto riedizioni dei suoi progetti in collaborazione con la Isamu Noguchi Foundation di New York.